[RECENSIONE] PER SEMPRE MIA - JENNIFER L. ARMENTROUT - EDITRICE NORD


Cari amici lettori, oggi vi parlerò dell'ultimo libro di un'autrice a dir poco poliedrica, una delle mie preferite; sto parlando della bravissima Jennifer Armentrout.
IL ROMANZO

Genere: Thriller/Romance
Data di uscita: 25 Gennaio 2018
Prezzo cartaceo: 18,00€
Prezzo ebook: 6,99€


È bastato un battito di ciglia per mandare in frantumi il mondo di Sasha Keeton. Da studentessa come tante, in un attimo si è ritrovata prigioniera di un serial killer. Lo Sposo l'ha tormentata per giorni, e solo un miracolo le ha permesso di fuggire. E da allora non ha più smesso di scappare. Nemmeno quando ha saputo che lo Sposo era morto, nemmeno per riabbracciare Cole, il ragazzo che stava imparando ad amare. Per dieci anni, Sasha è rimasta il più lontano possibile da casa. Adesso però è stanca: il suo sogno è sempre stato quello di gestire il bed & breakfast di famiglia, ed è arrivato il momento di realizzarlo. E, non appena rivede Cole, si rende conto che aveva anche un altro motivo per tornare... Cole Landis non si è mai perdonato per quanto accaduto quella notte. Avrebbe dovuto accompagnare Sasha, invece di lasciarla tornare da sola. Per dieci anni ha cercato di rifarsi una vita, pur sapendo che esisteva solo una donna capace di renderlo felice. Ecco perché, ora che il destino gli sta dando una seconda occasione, Cole è determinato a coglierla. Ma è davvero possibile ricominciare tutto da capo, ignorando il passato? In città nessuno sembra aver dimenticato e Sasha ha sempre l'impressione di essere spiata. Poi lei e Cole trovano i finestrini della macchina sfondati e una macabra sorpresa sul sedile posteriore. Infine il cadavere di una donna viene rinvenuto proprio nel luogo dove lo Sposo abbandonava i resti delle sue vittime, e Cole capisce che Sasha è di nuovo in pericolo. Ma stavolta la proteggerà, anche a costo della vita...
Dopo aver scritto numerose serie fantasy, young adult, new adult e paranormal rimaste nei nostri cuori, ha deciso di cimentarsi anche nel genere thriller (tanto per non farci mancare niente); "Per sempre mia” è una storia dalle tinte oscure e misteriose, protagonista è la giovane Sasha, una sopravvissuta, l'unica ad essersi salvata dal famoso serial killer soprannominato "Lo Sposo", dopo aver subito indicibili violenze e torture.
"Si può morire in due modi. La morte vera e propria, com'era toccata a quella poveretta, ti porta via tutto: il corpo, l’anima e qualsiasi altra cosa. L’altro tipo di morte, invece, ti strappa solo l’anima mentre il tuo corpo continua a esistere e, giorno dopo giorno, si riduce al guscio vuoto di ciò che è stato."
Dopo questa terribile esperienza Sasha abbandona la sua città e la sua famiglia, troncando senza spiegazioni anche i rapporti con il suo fidanzato dell'epoca, Cole, non sopportando di rimanere in quei luoghi che racchiudono ricordi dolorosi.
Il tempo passa e dopo dieci anni di lontananza decide però di ritornare a casa per aiutare la madre nella gestione del bed and breakfast di famiglia, per portare avanti il suo sogno di dirigerlo; dopo tutti gli anni trascorsi la ragazza è pronta a lasciarsi finalmente il passato alle spalle, ma sembra proprio che invece il passato non voglia abbandonare lei.
Iniziano a scomparire misteriosamente delle donne e sembra quasi che lo Sposo abbia ricominciato a colpire.. solo coincidenze? 

Lo Sposo è davvero morto o si tratta di un emulatore? A tutto ciò si aggiungono tanti episodi molto inquietanti che mettono in allarme Sasha facendole sospettare che l'incubo con il killer non sia del tutto terminato; verrà aiutata dal suo ex ragazzo, Cole, diventato un agente dell'FBI e che ha proprio intenzione di recuperare gli anni persi e di riconquistare il cuore di Sasha.
Devo dire che la trama romantica non è molto sviluppata, a favore di quella misteriosa; l'autrice ha preferito puntare maggiormente sullo sviluppo della componente gialla. 
I personaggi sono comunque ben caratterizzati; Sasha è una ragazza molto forte, nonostante tutto ciò che ha dovuto subire non si lascia sopraffare dalle difficoltà. 
"Alla fine, non avrei più sentito il bisogno di chiedere scusa. Prima o poi ce l’avrei fatta. Adesso, però, non mi sarei concentrata sul passato. «Oggi pensiamo al presente», annunciai"

Anche Cole è un personaggio molto positivo, intrigante e interessante come tutti i protagonisti maschili della Armentrout possono essere!
Unica pecca almeno per me, è stata quella di aver identificato il colpevole già con largo anticipo, anche grazie ai piccoli indizi sparsi qua e là dall'autrice.
Non vi dirò altro per non rovinarvi il piacere della lettura, tranne che vi consiglio caldamente di leggere questo libro perché solo il nome Jennifer Armentrout è garanzia di qualità.
Anche questa volta possiamo dire che l'esperimento è riuscito!
Alla prossima.


Nessun commento