[IL DIARIO DI DALILA] La cercatrice di corallo - Vanessa Roggeri - Rizzoli



Buongiorno sognalettori! Oggi vi parlerò di un romanzo ambientato nella Terra in cui vivo, e che ho avuto il piacere di presentare il 20 febbraio insieme all'autrice... curiosi?

IL ROMANZO

Titolo: La cercatrice di corallo
Autrice: Vanessa Roggeri
Editore: Rizzoli
Data di uscita: 23 gennaio 2018
Genere: Narrativa contemporanea
Pagine: 317
Prezzo cartaceo: 18,00€
Prezzo ebook: 9,99€


Achille e Regina si incontrano per la prima volta nell'estate del 1919, di fronte alle acque spumeggianti di una Sardegna magica. Regina dona ad Achille un rametto di corallo rosso come il fuoco, il più prezioso, con la promessa che gli porterà fortuna. Anni dopo, quella bambina è diventata una delle più abili cercatrici di corallo; quando si tuffa da Medusa, il peschereccio di suo padre, neanche l'onda più alta e minacciosa la spaventa. Lei è come una creatura dei mari ed è talmente libera da non avere mai conosciuto legami. Finché, un giorno, la sua strada si incrocia di nuovo con quella di Achille: nel viso di un uomo ritrova gli occhi del ragazzino di un tempo. A travolgerli non è solo un sentimento folle, ma anche un passato indelebile. Le loro famiglie, infatti, sono legate a doppio filo da rancori e vendette ed è in corso una guerra senza ritorno. Spesso non basta l'amore per cambiare un destino che sembra già scritto. Ma l'unico modo di scoprirlo è provarci, fino all'ultimo...



Ben tornati nel mio salotto, sì, è dal mio diario che voglio parlarvi de “La cercatrice ci corallo”!
Quindi accomodatevi pure dove volete, ci sono tappeti e poltrone ovunque, io sono al centro, sopra un pouf, mi rilassa molto... ho preparato per voi uno spuntino a base di mandorle. Perché proprio mandorle? E se vi dicessi che è anche merito loro se questo romanzo è nato, ci credereste?
Come ben potrete capire dalla copertina, il protagonista indiscusso è il corallo, in tutta la sua maestosità della sua ramificazione... tanti rami quanti sono gli argomenti trattati in questa storia così intensa e profonda da far riflettere su tante cose. Un romanzo ambientato tra la fine della prima e l'inizio della seconda guerra mondiale e allo stesso tempo così attuale!
Durante la presentazione non ho potuto non notare la professionalità dell'autrice, la conoscenza, e lo studio approfondito per scrivere la sua storia, non una storia banale, ma come ho detto, studiata in ogni minimo dettaglio, costruita a regola d'arte, non facile a mio parere. Ma scrivendo anche io libri, posso dirvi che per uno scrittore non esistono difficoltà in grado di ostacolare la buona riuscita della propria storia, è come sangue che scorre nelle vene, quando è dentro di noi troverà il modo di uscire nella stessa bellezza con cui la vediamo noi!
Lei ci ha sempre raccontato la sua Sardegna, facendocela conoscere sotto mille sfaccettature, ma secondo me, questa volta ha voluto calcare ancora di più la penna sulle sue origini, colorandola del vero carattere che essa possiede, quello della vendetta, del rancore, della tenacia e quanto ancora.
Una storia di due famiglie, una rappresenta la terra e l'altra il mare. Sono quattro i protagonisti, tutti così ben definiti, possenti e unici da non poter esser considerati secondari, nemmeno uno.
La figura femminile di Dolores Siddi che entra in scena prima con pietà e poi con tenacia, fermezza e stizza. Una donna vedova capace di tutto pur di non far morire di fame i propri figli. Una donna con il cuore affogato nel rancore per uno sgarbo ricevuto da un parente. Una questione di vita o di morte. La goccia che ha fatto traboccare il vaso. Uno dei personaggi preferiti dalla stessa autrice, per la sua forza, per come da sola è riuscita a farcela, a prendere in mano le redini che prima appartenevano all'uomo di famiglia, ora è lei che deve portare i pantaloni e rimboccarsi le maniche.
Di contro, un uomo... il corallaro più conosciuto. Fortunato Derosas, un uomo presuntuoso, arrogante, superbo... lo scontro tra la terra e il mare.
Uno dei tanti argomenti trattati in questa storia è proprio la situazione lavorativa in quei tempi.
Si viveva di pesca, ma per i corallari non era un buon periodo, e si viveva del lavoro nelle miniere, molto importanti in Sardegna.
Potrei raccontarvi di questo romanzo ancora a lungo, non è stato facile durante la presentazione concentrare in poche domande i punti fondamentali, perché lo erano tutti! Perciò prima che terminiate le vostre mandorle vi parlerò degli altri due protagonisti, che ho amato molto e di ciò che mi ha trasmesso questo libro.
Regina e Achille. Due ragazzi, figli della discordia tra due famiglie, un Romeo e una Giulietta sardi con destini diversi ma pur sempre difficili. Ciò che mi ha colpito della loro storia è stata la purezza. Il loro conoscersi per la prima volta, scoprire piano piano un sentimento mai provato prima.
Come un fiore che sboccia e a rallentatore segui ogni movimento. Il bisogno di contatto fisico quando si prova qualcosa, il sentire la mancanza di qualcuno con cui ci leghiamo in modo spirituale, quella voglia di dimostrare, di stupire, di prendersi e non lasciarsi più.
Un sentimento ancora puro, senza macchie del mondo esterno o dell'esperienza adulta, qualcosa che è simile ad un dolore fisico all'altezza del cuore, che però ci fa sentire bene, vivi.
Vanessa tratta questo argomento per la prima volta. Ho apprezzato molto il suo modo di farlo, la sua delicatezza nel raccontare di un primo amore.
“«Cosa mi sta succedendo?» si domandò, incapace di trovare un modo per liberarsi del malessere incalzante. «Sono fuori controllo. Il mio cuore, che dovrebbe essere fatto per farmi vivere, è fuori controllo.»”
Ancora, la storia del corallo, raccontato tramite Regina, figlia del mare. Simbolo importante della Sardegna, io stessa non ero a conoscenza di tutta la sua grande e interessante storia.
Ho voluto parlarvi di questo libro a grandi linee, e soffermandomi soprattutto sui caratteri dei personaggi, perché tutto il contorno dovete gustarvelo lentamente.
Mi ha trasmesso tante emozioni, una diversa dall'altra, sono riuscita ad immedesimarmi in ognuno di loro, come se stessi vivendo la loro vita. Io penso che questo sia uno dei presupposti fondamenti per essere un vero narratore.
La scrittura di Vanessa è sempre molto ricercata e in questo caso anche studiata alla perfezione, perché ogni parola doveva rimandare al mare, alla terra e doveva descrivere interamente i personaggi, questa storia è stata cucita addosso ai personaggi con meticolosa attenzione.
Particolare, unico nel suo genere, non troveremo mai doppioni delle storie di Vanessa Roggeri. Lei la sua Sardegna la sente nel profondo, non si limita a viverci e forse è proprio grazie a questo che riesce a trasmettere anche a noi la devozione e passione per la sua terra tramite romanzi destinati a restare in ognuno di noi.
“La bambina gli porse un rametto di corallo. «Porta fortuna se lo regali» gli confidò con l'innocenza di chi crede ancora nelle cose magiche e occulte.”




3 commenti

  1. Ho adorato questo libro, una piccola grande chicca. Io ho letto il secondo, ma il cuore selvatico del ginepro mi manca, lo leggerò!!

    RispondiElimina
  2. È uno di quei romanzi che ho in lista e che spero prima o poi di riuscire a leggere, già solo la parola CORALLO mi apre mille mondi, adoro il corallo in tutte le sue sfumature :D

    RispondiElimina
  3. Voglio usare questo mezzo per far sapere al mondo che tutta la speranza non è perduta Ottenere incinta dopo aver stretto e bruciato i tubi, so che l'IVF e l'Inversione potrebbero aiutare, ma anche troppo, non potevo permettermelo e lo desidero aggiungere un altro bambino alla mia famiglia ha cercato per 5 anni, non fino a quando non mi sono imbattuto in Dr.AGBAZARA, che ha lanciato un incantesimo gravidanza / fertilità per me e sono rimasta incinta. Spero che le donne là fuori che stanno attraversando le stesse paure e Le preoccupazioni sono passate in INIZIO INCINTA, troverò il tuo contatto e sarò felice come me mentre lo lascio qui su questo sito, e la soluzione verrà a loro mentre ti contattano. Grazie e Dio vi benedica per raggiungerlo via email: ( agbazara@gmail.com ) OPPURE Call / WhatsApp +2348104102662

    RispondiElimina