[REVIEW PARTY] Le mamme ribelli non hanno paura - Giada Sundas - Garzanti


    
      Buongiorno sognalettori! Oggi voglio festeggiare la festa della mamma con la recensione di un romanzo veramente speciale! Altre 23 blogger si sono unite a me in questo review party, non perdetevi le loro recensioni e partecipate al giveaway che trovate alla fine del post per provare a vincere una copia del libro. Buona fortuna a tutti!
     Posso dire che mi sono innamorata di questo romanzo? Dal primo momento, dal titolo, dalla copertina, ho avuto subito la certezza che questa storia potesse restarmi nel cuore. E così è stato!!! Giada Sundas è riuscita ad emozionarmi e a farmi ridere, aprendo il suo cuore e raccontando la sua storia in un modo così semplice, naturale e diretto che difficilmente non vi emozionerà.  
     Io non ho studiato all’università di Palo in Frasca, neanche in quella del Missipippi e men che meno in quella di Busto Arsizio, però sono sicura che i tuoi ricordi esistano in qualche anfratto della tua testa, solo che sono stati piegati come origami e conservati per sempre, cementati in un grosso caveau inaccessibile, perché tutto quello che succede nei primi due anni di vita di un bambino non è indispensabile per il bambino stesso, ma per la sua mamma e il suo papà. La vita ha tracciato i margini di questo processo in modo assurdamente meticoloso, non trovi? Ci concede due anni di tempo per confrontarci con una nuova dimensione e commettere tutti gli errori che vogliamo, senza che voi possiate ricordarlo. Due anni sono un tempo godzillamente grande per vivere senza memorie, ma anche un tempo troppo esiguo per imparare a crescersi per crescervi. Tutto quello che tu hai cancellato, io l’ho scritto qui, per darti la possibilità di conoscere la donna che sono stata e che tu mi hai fatto diventare. Questo libro parla di noi. Parla di te, di papà ma soprattutto di me.

    Questo libro è un regalo per la figlia, un diario che le farà capire ancora di più l'amore che sono in grado di dare le madri. Eppure fare la mamma non è una cosa semplice, ci sono tanti tipi di mamme diverse, abbiamo la mamma premurosa, quella ansiosa, quella simpatica che vuole fare l'amica, la mamma precisa che segue tutte le regole e poi abbiamo quella ribelle. 
      La mamma ribelle è quella che troverete in questo libro!      
      Vorrei raccontarti la nostra storia, dal momento stesso in cui ti sei acquattata nelle mie membra, perché il giorno in cui ti sarai persa potrai ricercarti qui, tra queste pagine; perché il giorno in cui la tettonica del destino ti avrà staccata da me potrò venire a cercarti qui, tra queste pagine. Non ti ho sempre amata, sai? Anzi, a volte ti ho odiata, altre ho pensato che avrei fatto meglio a chiudermi le tube con le fascette da elettricista, altre ancora ho lasciato scorrere il tempo guardandoti dormire. La mia esperienza di madre si è scandita in centinaia di fasi contrastanti e totalmente incoerenti tra di loro, mi permetto di coniare il termine «bipolarismo materno» per descrivere in parole povere l’andamento della curva umorale delineata da picchi di «amore di mamma, è controproducente continuare su questa linea di reticenza, ti prego, siediti qui ed esponimi le motivazioni del tuo comportamento» e altri di «vieni qui, piccola discendente di Satana, se non la smetti subito ti faccio internare in un collegio salesiano in Bosnia». Ero una persona normale, prima. Papà no, lui non lo è mai stato.
    Non sono mamma ma l'autrice è riuscita a descrivere alla perfezione ogni momento, mi sembrava di vedere le varie scenette, alcune divertentissime e altre dolci.      
      Non mi sfiorò mai, nemmeno per un attimo, il felice pensiero del “sto per abbracciare la mia bambina”, piuttosto nel mio cranio rimbalzò all’impazzata: STAI PER SOFFRIRE COME UN CANE, STAI PER SOFFRIRE COME UN CANE, STAI PER SOFFRIRE COME UN CANE…  Desiderai con tutta me stessa tornare indietro di nove mesi e dire “stasera no, ho mal di testa”.
       Credetemi se vi dico che vi emozionerete tanto!  Il fatto che l'autrice abbia aperto il suo cuore in questo romanzo, il fatto che abbia scritto questo diario per la sua piccola, senza nascondere i suoi veri sentimenti è davvero emozionante. Leggerete che per lei non è stato facile adattarsi a questa nuova vita ma lo ha fatto e ci è riuscita egregiamente. Ha tirato fuori il suo essere ribelle e da quel momento non ha paura di niente. Se apprezzate le storie vere, quelle che sono raccontate con semplicità e naturalezza, allora questo libro dovete assolutamente leggerlo! L'autrice non ci racconta la sua vita perfetta, ci fa capire che non dobbiamo vergognarci di avere paura, di non essere perfette, di arrabbiarci se i cambiamenti ci spaventano e non ci piacciono. L'unica cosa che conta davvero è l'amore. Se c'è amore, allora tutto è perfetto, soprattutto con i nostri sbagli e le nostre paure. 



NON PERDETEVI LE ALTRE RECENSIONI! ECCO L'ELENCO DEI BLOG COINVOLTI, 
VI BASTERA' CLICCARCI SOPRA! 
   Il colore dei libri |  Un libro e una tazza di tè |La sala da te di una lettrice | Sognando dietro ai libri | Reading at tiffany’s |Le fiamme di pompei | Lo specchio dell’anima |  Rosalba Ranieri |  La fenice book | Book’s angels |  Ilconfine dei libri | Readingin the T.A.R.D.I.S |  Ella Gai |   Amoreper i libri e non solo


PARTECIPATE AL GIVEAWAY
Regolamento:
1. Essere Lettori Fissi di tutti i blog organizzatori (obbligatorio)
2. Commentare tutte le tappe, lasciando una mail a cui essere contattati in caso di vittoria.
Vi chiediamo di rispondere a una domanda:
"Le storie ascoltate la prima volta in braccio alla mamma non saranno mai completamente dimenticate." Qual è il ricordo più bello che avete con la mamma?
3. Condividere l'evento sui social usando l'hashtag #lemammeribellinonhannopaura  (NON DIMENTICATE L’HASHTAG E LA CONDIVISIONE PUBBLICA)
Avete tutto il tempo di commentare le varie recensioni, i commenti saranno accettati fino alle ore 20.00 del 22 maggio.

10 commenti :

  1. Sembra un romanzo molto interessante!
    Non so se è il ricordo più bello che ho di mia madre, ma è uno dei pochi ricordi di quando ero bambino. Era il 1989 e mia madre passava molto tempo alla macchina da cucire, con la radio accesa. Ricordo che in quel periodo impazziva per la canzone di Kaoma, La lambada. Ma quando passavano quella canzone lei si fermava e canticchiava. E io incantato mi fissavo a guardarla.

    Luigi Dinardo
    luigi8421@yahoo.it

    RispondiElimina
  2. Sembra proprio un libro che ti scalda il cuore! Non ho molti ricordi di quando ero piccola..tranne che ci siamo sempre messe a cantare canzoni insieme.. Gigi D'Alessio, Eros Ramazzotti, Laura Pausini..mi ha trasmesso il grande amore per la musica e anche per il ballo 💜

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi dimentico sempre di scrivere l'email 🙈🙈 Jess_serra@libero.it

      Elimina
  3. bellissima recensione...sembra un libro divertente e già si intuisce scritto più che bene...rispondo qui alla domanda...purtroppo i ricordi di bambina sono annebbiati e confusi, ma il ricordo più bello che ho è quando trovai quella che poi divenne il mio primo animaletto domestico...Chicca, una bellissima gattina bianca con delle chiazze miele.Ricordo come piansi perchè papà non voleva che lo tenessi e ricordo come mamma si intestardì per farmelo tenere..da allora è sempre stata lei a portare a casa animali sapendo quanto li amo...l'ultimo (l'amore della mia vita) un meraviglioso chiwawa..un maschietto, che mi ha portato a sopresa a casa 6 anni fà dopo che ho perso per un tumore la mia gatta :-(
    La mia mail è patty_1986@hotmail.it

    RispondiElimina
  4. Bellissima la tua recensione <3 e meraviglioso anche il romanzo

    RispondiElimina
  5. Mi sembra davvero un bel libro,posso comprendere appieno la storia che l'autrice vuole raccontare perché l'ho vissuta anch'io. La gravidanza con tutte le gioie e anche con tutti i dolori e i dubbi che si porta dietro,è l'essenza stessa della vita,specialmente per noi donne ed apprezzo l'autrice per aver messo a nudo anche le sue paure,perché sono le stesse che avevo anch'io.
    Il ricordo più bello che ho di mia madre è di quando mi leggeva le favole prima di andare a dormire,ha gettato le basi per cementare la mia passione per la lettura.
    lauradomy@hotmail.it

    RispondiElimina
  6. Anche a me ha fatto emozionare molto. Si passava da momenti di risate a momenti di sofferenza. :) Una bella recensione!

    RispondiElimina
  7. Ciao Sara! Innanzitutto ti ringrazio nuovamente per l'idea di questo mega festeggiamento con ben 23 blog per un libro che, a quel che leggo da questo tuo post, sembra proprio essere un concentrato esplosivo di mille emozioni dal punto di vista delle mamme!! ^_^ Io sono solo una figlia, però più di qualche volta mi è capitato di cercare di mettermi nei panni di mia mamma per capire quel che faceva e perché lo facesse, cosa le sembrassi io come figlia e soprattutto quanto potesse gioire e soffrire con e per me... Magari leggere questo libro mi aiuterà di più a capire la mia mamma...e le mamme del mondo! ;-)
    Grazie anche per avermi taggata e avermi fatto scoprire questo libro ;-)
    La mia e-mail è lamarama86@gmail.com e seguo già da tempo il tuo blog come Lara Milano
    Ora ti racconto un po' cosa ricordo... o meglio di ricordi con mia mamma ne ho tantissimi di belli, perché io e lei siamo molto simili e, nonostante vari scontri verbali, ci intendiamo molto bene... però se mi chiedi qualche ricordo felice andando sempre più indietro coi ricordi mi viene in mente quando, ogni sera prima di andare a dormire, anche quando era molto stanca, leggeva sempre qualche capitolo di un libro a voce alta a me e alla mia sorellina, ma ce li leggeva con noi 2 sedute accanto a lei mentre guardavamo attente le pagine, anche se non sapevamo ancora leggere e ci focalizzavamo più spesso sulle foto o le illustrazioni... Ricordo che per farci capire ogni cosa si fermava ad ogni nostra domanda, rispondeva sempre e ci spiegava cosa volessero dire le varie parole "difficili" e soprattutto, una cosa che ho sempre adorato di lei (e che forse ho ereditato) è che leggendo dava intonazione ad ogni frase come se stesse raccontando davvero lei quel che diceva, non un semplice "leggere a voce alta", ma proprio un "leggere interpretando e raccontando", con annesse voci diverse per ogni personaggio, pause e suoni onomatopeici ^_^ ♥
    Pensa che faceva così sia per le storie che per le poesie e filastrocche, e tutt'ora ne ricordo moltissime a memoria, imparate con lei e con le stesse vocine e pause e risate ;-)
    Non so se sarei comunque diventata una lettrice accanita come sono, ma di certo posso ringraziare mia mamma per la mia passione per la lettura e i libri e ricordo con grandissima gioia ogni volta che accompagnava me e mia sorella sia in libreria che in biblioteca, permettendoci di sognare ad occhi aperti, alimentando la nostra fantasia e regalandoci un grandissimo bagaglio di ricordi felici ;-) ♥

    RispondiElimina
  8. Bellissima recensione come sempre <3

    RispondiElimina
  9. Grazie mille a tutte...é stato un bel viaggio alla scoperta di una nuova autrice che non conoscevo e di blog e persone meravigliose e dispinibili...😘😘😘😘

    RispondiElimina