[Blog tour] La casa delle farfalle - Silvia Montemurro - E COME FARFALLE... #SIAMOFATTIPERVOLARE



Buongiorno sognalettori!
Dopo il tanto amato “Cercami nel vento” e l'appassionante trilogia di “Shake my colors”, Silvia Montemurro torna in tutte le librerie con una grandissima sorpresa. Per lei è arrivato il momento di spiccare il volo, e con le sue grandi ali di farfalla ci fa volare più in alto, con un nuovo genere, un nuovo romanzo destinato a conquistare un pubblico ancora più ampio. Curiosi?



Per tre giorni io, Sara Sangueblu e Elisa Impiduglia vi portiamo in viaggio con noi alla scoperta di tre entusiasmanti argomenti. Tre tappe dedicate interamente a “La casa delle farfalle” (cliccate per la scheda completa).

Una storia ricca di dettagli, di passione, di segreti, ma soprattutto di argomenti profondi che toccano ogni corda del nostro cuore. Oggi vi parlerò di uno dei principali, LE FARFALLE.
Benvenuti alla prima tappa!!!

La prima cosa che ho detto a Silvia dopo aver letto il suo libro, è stata: “con questo libro farai amare le farfalle anche a chi le ha sempre odiate”. Provare per credere. Inutile dire che ho sognato farfalle per giorni, ma nei sogni il loro significato è quasi sempre positivo, simbolo di gioia, felicità, cambiamenti.

La farfalla rappresenta i sentimenti, la leggerezza, l’eleganza, la semplicità. Sono gli insetti più delicati che esistano. Tutti noi le paragoniamo a delle fatine, proprio per la loro leggiadria, per quell'aurea invisibile che sembra circondarle mentre sbattono le ali, che ci fa quasi credere che siano magiche. Sono creature molto curiose e amate. Per esempio, gli egizi usavano ornare le tombe dei faraoni con pitture raffiguranti le farfalle, mentre i cinesi erano soliti allevare i bacchi da seta per la produzione del prezioso tessuto, fonte di ricchezza. Appartengono all’ordine dei Lepidotteri e il nome deriva da due parole greche che significano rispettivamente “squama” e “ala” e si riferiscono alle minuscole squame piatte che ne ricoprono le ali, come le tegole di un tetto, formando innumerevoli variazioni di colori variopinti e disegni. Questo e il mimetismo permette loro di difendersi dai predatori come uccelli, ragni, lucertole.
Il loro ciclo vitale si divide in quattro stadi: uovo, bruco, crisalide (bozzolo o pupa) e infine adulto. Ma la vita di una farfalla è abbastanza breve, varia da qualche giorno ad una settimana o due e, solo in alcuni casi, raggiunge il mese e più di vita. Esistono però delle eccezioni, per esempio le Vanesse vivono anche più di un anno, ma trascorrono la maggior parte del tempo nel letargo invernale. Esistono diversi fiori che le attirano di più, quindi se nel vostro giardino volete ospitarne qualcuna piantate erbe aromatiche come lavanda, rosmarino o menta, ma soprattutto riempitelo di fiori nettarini molto colorati: la dalia, la viola, l’ibisco, la verbena. Ma se siete intonate, anche una bella canzone potrebbe impressionarle… Non mi credete? Lo scoprirete solo leggendo!
Le diverse specie di farfalla possono vivere in molteplici habitat, dalla tundra alla foresta pluviale. Nelle aree tropicali le condizioni climatiche sono per loro talmente favorevoli che nell’arco di un anno posso aversi almeno quindici generazioni.

La farfalla può essere paragonata alla vita di una persona? A mio parere sì. Sono un grande esempio di vita, da cui possiamo trarne tanti insegnamenti se solo provassimo ad osservarle e ad ascoltarle.
Fonte di ispirazione soprattutto per poeti e scrittori. Silvia ha colto tutto questo e l'ha messo su carta. Tutta la sua storia è stata scritta su ali di farfalla. Ogni frase è stata studiata per richiamarle, ogni dettaglio riporta sempre a queste meravigliose creature. Questo è stato uno dei tanti motivi che mi hanno fatto amare questo romanzo.
Sarà Lucrezia, uno dei personaggi chiave della storia, a farcele conoscere. Soprannominata “la ragazza delle farfalle” tesserà un filo immaginario che legherà anche le altre donna della sua vita. Il suo amore materno per quei doni della natura grandi quanto una mano o meno sarà uno dei suoi rifugi segreti nell’ostilità degli avvenimenti che in quel periodo l’Italia è costretta a subire e che tramanderà nel tempo. Un regalo di pace in un clima di guerra, interiore o esteriore.
“Lucrezia aveva imparato molte cose dalle sue adorate farfalle. E una, in particolare, era quella che considerava la più preziosa: vivere ogni momento come se fosse l’ultimo in cui puoi sbattere le ali.”
Ed è proprio per la sua villa, La villa delle farfalle, che il romanzo si intitola così. In quella casa tutto si compie, anni e anni di cambiamenti, generazioni di donne che fanno sì che diventi protagonista indiscussa. E’ la stessa Villa delle Farfalle a narrarci la sua storia. Avvenimenti che segneranno il destino di tutti i personaggi, ma soprattutto quello di Anita, la nipote di Lucrezia che presto conoscerete.

Sono molte le frasi metaforiche, ho voluto riportarne qualcuna:
“Una farfalla è libera solo se nessuno si accorge che sta volando via.”
 “Non si diventa farfalle in un giorno. Spesso occorre più tempo. A volte, invece, si rimane crisalidi per tutta la vita.”
“Non esiste una farfalla uguale a un’altra. Non esiste un unico volo, non c’è un percorso giusto da seguire. Ciascuno si crea la propria traiettoria, anche se a volte è fatta di salti nel buio.”
Ho apprezzato molto la cura con cui tramite la narrazione di uno o più personaggi, Silvia sia riuscita ad esaltare le farfalle, e non solo, ha fatto anche di più. Ogni capitolo si apre con la descrizione di una specie. Ce le fa conoscere non soltanto per il loro aspetto esteriore, ma dà loro un’anima come se avesse conosciuto ognuna di loro, facendo sì che ognuno di noi possa riconoscersi e farle diventare un personale porta fortuna. E' stato difficile per me scegliere, ma ho trovato le mie preferite:

 La cedronella è una farfalla che ti svolazza intorno quando sente che sei giù di morale. Ti chiede di non prenderti sul serio, mai, qualsiasi cosa stia succedendo nella tua vita. Lasciati coinvolgere dal suo volo leggero e pazzerello e improvvisa una danza insieme a lei. Ti sentirai meno sola.”

Vanessa Atalanta: è una farfalla che vive nelle aree geografiche dal clima più mite di Europa, Asia, Sud America. Rispetto alle sue compagne è molto longeva: può vivere fino ad undici mesi. Durante l’inverno, si nasconde nelle fessure delle rocce o in zone riparate. Quando senti freddo nel tuo cuore, prendi esempio dalla farfalla Vanessa: riparati negli angoli caldi, che siano persone o luoghi in cui ti senti al sicuro. Attendi con fiducia una nuova primavera.”

Morfo blu: è un lepidottero diffuso in America centrale e meridionale. Il suo nome scientifico deriva da Menelao, il re dell’antica Sparta. Le sue ali sono di un meraviglioso blu metallico iridescente. Si ciba anche di funghi e ciò la rende particolarmente preziosa per la dispersione delle spore. Puoi essere anche la più insignificante tra le creature su questa terra, ma sei al mondo per uno scopo preciso. Trovalo.”

Ora vi chiedo, e se aveste ereditato una serra con il compito di ripopolarla di farfalle come è successo alla protagonista del romanzo, cosa fareste? Ci vorrebbe Lucrezia per insegnarci ad accudirle e a farle vivere il più a lungo possibile. Ma tranquilli, abbiamo un'alternativa. In Italia sono nate tantissime case delle farfalle, in cui hanno ricreato adeguati habitat, che accolgono tantissime specie di farfalle provenienti da tutto il mondo. Possono volare libere in spazi molto ampi e la gente può andarle a vedere senza alcun problema, venire a contatto con loro e poterne cogliere tutta la loro bellezza. Ho sempre desiderato che una farfalla mi si posasse su una mano, un gesto del genere può far sentire importante chiunque. Una farfalla sente di chi si può fidare.
Ma in queste serre tutto è possibile. Vi elenco alcuni dei luoghi in cui potete trovarle:

Milano Marittima, Bordano in provincia di Udine, Viagrande in provincia di Catania, Montegrotto Terme in provincia di Padova, a Siracusa, a Olmedo in Sardegna e a Monopoli a Bari.

Ne vale davvero la pena. Non trovate anche a voi che sarebbe uno dei luoghi migliori in cui Silvia potrebbe presentare il suo libro?

Ci sono anche tante canzoni che parlano di farfalle, o di cui gli autori hanno deciso di dare il titolo, paragonando persone fragili a farfalle. Io ne ho trovate alcune, prima vi dirò le mie due preferite, che conoscevo da tempo: “Caterpillar” di Miley e Billy Ray Cyrus e “Butterfly” di Mariah Carey”. Poi “Farfallina” di Luca Carboni e “La casa delle farfalle” del grande Vecchioni.

Ora che siete ben informati sul mondo delle farfalle, non vi resta che continuare a scoprirle nel romanzo. Lasciatevi avvolgere dal loro volo e ascoltate con il cuore ciò che hanno da dirvi.

Nella prossima tappa il blog Il bello di esser letti vi parlerà di famiglia e memoria, sarà molto interessante, non perdetevela. (Link in basso)

Mi raccomando, continuate questo viaggio.
Vi ricordo che domani 29 maggio La casa delle farfalle esce in tutte le librerie e il 4 giugno pubblicherò la mia recensione.
Vi aspetto!!! Buon volo a tutti... mi raccomando, secondo albero a destra e poi sempre dritti fino in libreria!! :) 




4 commenti

  1. Che meraviglia questa tappa <3 sia per contenuto che per grafica <3 #ButterflyEverywhere

    RispondiElimina
  2. Grazie mille.. Gentilissima ❤️��

    RispondiElimina
  3. Quante notizie interessanti!!! Stupende le farfalle. Sarebbe davvero una splendida iniziativa presentare il romanzo in una casa delle farfalle. Io conosco quella a Viagrande e per me è un posto magico. Romanzo da leggere. Post veramente intrigante.

    RispondiElimina
  4. Cara Dalila hai illustrato questa tappa alla perfezione!! Hai dato tantissimi spunti sulle farfalle...e sul libro, invogliandomi ancora di più a leggerlo!
    Conoscevo già l'abilità di scrittura di Silvia, ma questa idea di farfalle la trovo ancor più delicata e meravigliosa! *o*
    Wow, addirittura un tipo di farfalla per ogni capitolo? Mmh non vedo l'ora di scoprire quale sia la mia preferita, anche se penso che forse ce ne possa essere più di una a seconda dell'umore del momento, quindi non mi prefiggo una unica scelta. ;-)
    Dai, veramente ci sono tutti questi posti di farfalle?? *_* ♥ ma pure una non lontano da casa mia! Pazzesco. ci devo asslutamente andare! E sì, confermo anch'io che sarebbe una suuuper idea poter assistere ad una presentazione del libro proprio in un luogo pieno di farfalle! SIlva, considera bene l'idea di Dalila!! ;-) ♥

    RispondiElimina