[REVIEW PARTY] AURORA RISING - AMIE KAUFMAN , JAY KRISTOFF - OSCAR MONDADORI VAULT



Buongiorno Sognalettori!
Oggi il blog ha come protagonista un libro freschissimo di stampa, un libro che sicuramente catturerà la vostra attenzione sia per il titolo che per la cover molto suggestiva… infatti proprio da oggi trovate in tutte le librerie “AURORA RISING” scritto a quattro mani da Amie Kaufman e Jay Kristoff, pubblicato in Italia dalla casa editrice Mondadori, che ringraziamo moltissimo per averci fornito il file per la lettura in anteprima.

Come vedete abbiamo deciso, assieme ad altri blog, di festeggiarne la pubblicazione creando un bel Review Party. 😉

Ma ora qualche notizia sui due autori:

Amie Kaufman è autrice bestsellers del "New York Times". Vive a Melbourne, in Australia, insieme al coniuge, due cani e una scorta abbondante di caffeina. è una scrittrice, fotografa e artista che fin da giovanissima – complice una famiglia di voraci lettori – ha sviluppato un amore profondo per le storie.
Vive nello Utah insieme al marito e ai due figli.

Jay Kristoff è l'autore delle serie pluripremiate The Illuminae Files, Aurora Cycle e Nevernight. Ha vinto cinque Aurealis Awards e un ABIA, è stato finalista ai premi David Gemmell Morningstar e Legend ed è attualmente pubblicato in oltre 25 paesi (ma nella maggior parte di questi non ha mai messo piede). È esterrefatto da tutto ciò, tanto quanto voi.
È alto più di due metri e gli mancano circa 13.030 giorni da vivere. Dimora a Melbourne con la moglie, agente segreto e assassina esperta di kung fu, e il Jack Russell più pigro del mondo.
Non crede nel lieto fine.


IL ROMANZO


Titolo: Aurora Rising
Autore: Amie Kaufman , Jay Kristoff
Data di uscita: 10 Marzo 2020
Genere: Narrativa contemporanea | Sci-Fi
Pagine: 360


Anno 2380: ai cadetti dell’ultimo anno dell’Accademia Aurora sta per essere affidata la prima vera missione. Tyler Jones sa che, proprio perché è il migliore del suo anno, potrà reclutare la squadra dei suoi sogni. Peccato che, a causa del suo comportamento sconsiderato, come punizione gli vengano assegnati d’ufficio i cadetti scartati da tutti gli altri capisquadra, quelli con cui nessuno vorrebbe mai lavorare. Proprio lui, l’allievo più talentuoso dell’Accademia sarà al comando di una vera e propria banda di disperati: • una diplomatica, cintura nera di sarcasmo • una scienziata sociopatica con la tendenza a sparare ai suoi compagni • uno smanettone geniale e dall’ironia pungente • un guerriero alieno con seri problemi di gestione della rabbia • una pilota abilissima con un leggerissimo debole per Tyler.
Ma non è nemmeno questo il suo problema principale. Infatti, solo dopo aver risvegliato da un sonno lungo duecento anni la misteriosa Aurora Jie-Lin O’Malley, Ty scopre che proprio lei potrebbe innescare una guerra rimasta a lungo sopita e che, ironicamente, proprio la sua squadra di disperati potrebbe essere l’ultima speranza di salvezza per l’intera galassia.

Comunque: NIENTE PANICO!



Il libro “Aurora Rising” è il primo volume dell’Aurora Cycle (di cui – udite udite – è già programmata l'uscita del seguito “Aurora Burning” in lingua originale il 5 Maggio… e presto anche in Italia), scritto a quattro mani da due autori che sono una garanzia: basti pensare alle altre serie che hanno scritto e che sicuramente in molti di voi hanno amato!

Proprio per questo motivo, e anche perché memore della preziosissima opportunità che ho avuto grazie alla Mondadori di incontrare Jay Kristoff lo scorso Settembre a Milano (se volete leggere il mio resoconto della super giornata leggete QUI ), non ci ho pensato due volte a tuffarmi nella lettura di questa nuovissima serie!
Come scritto nella sinossi, ci troviamo nel futuro, e più precisamente nel 2380, in un mondo tutto super tecnologico e spaziale... e spaziale non è solo un modo di dire! Infatti la vita dei personaggi di questo libro orbita nel vastissimo, immenso e misterioso Spazio, e tutto è decisamente più moderno, futuristico e tecnologico di quanto ci si possa immaginare. Ogni cosa è incentrata sulla comunicazione e sugli scambi tra un pianeta e l’altro, oltre alle connessioni tra specie (umane e aliene), e lo si percepisce subito anche dalla formazione degli allievi dell’Accademia Aurora, un’accademia dove si apprendono tutte le arti per diventare dei perfetti abitanti dello spazio.
In questa Accademia ha studiato per cinque anni anche Tyler Johnson, (18 anni, capelli biondi, occhi azzurri e due fossette sulle guance che hanno il potere di affascinare chiunque gli sia davanti), il migliore di tutti gli Alfa. Proprio grazie agli innumerevoli sforzi e al suo eccellente impegno accademico, Tyler si è conquistato un’opportunità speciale: essere il primo Alfa che durante la cerimonia della Selezione potrà scegliere altri cinque membri tra tutti gli studenti per formare la propria squadra, ed essendo il migliore Tyler aspira a scegliere i 5 migliori della scuola.
La sua insonnia sommata all’emozione della cerimonia dell’indomani, però lo inducono a fare uno strappo alle regole compiendo un viaggio notturno su una navicella, giusto per schiarirsi le idee e per passare le ore prima della sveglia ufficiale… ma mai si sarebbe potuto immaginare cosa avrebbe comportato questo viaggio! Infatti durante il suo volo, la navicella intercetta un SOS e Tyler non ci pensa due volte a correre in soccorso… nientepopodimenoche la leggendaria Nave Hadfield, un vascello terrestre partito agli inizi delle esplorazioni spaziali qualche secolo prima e che era scomparsa misteriosamente in una Piega Temporale.



“Mi perderò la Selezione.”Attorno a me, l’Hadfield si sta disintegrando. Neri archi di fulmini quantistici fondono lo scafo, riducendolo a un cumulo di scorie. La mia tuta spaziale emette diciassette segnali d’allarme diversi, la guarnizione di questa maledetta capsula criogenica si ostina a non aprirsi e il pensiero che mi risuona in testa è quello. Non che sarei dovuto restare in branda a farmi una bella dormita. Non che avrei dovuto ignorare quella stupida chiamata di emergenza e tornare all’Accademia Aurora. E nemmeno che questo sarebbe un modo davvero idiota di morire.No, niente di tutto ciò. Mentre guarda la morte in faccia, Tyler Jones, caposquadra, prima classe, sta pensando a una cosa soltanto.“Mi perderò la dannata Selezione.”

La straordinarietà dell’SOS e il grande senso d’onore di Tyler lo portano in un’impresa che mette a grandissimo repentaglio la sua vita, ma durante la quale lui riesce a salvare Aurora Jie-Lin O’Malley, una misteriosa ragazza che purtroppo è l’unica superstite tra le diecimila persone che erano state inserite nelle criocapsule durante la terza spedizione di colonizzatori terrestri diretti a Octavia III e la cosa ha davvero dell’incredibile… perché la Hadfield si era persa nello spazio ben 200 anni prima!!


Abbasso lo sguardo sulla ragazza che dorme nella criocapsula. Ha i capelli neri abbastanza corti, con una strana ciocca bianca che le attraversa la frangia. Lentiggini. Una tuta grigia. L’espressione è quella beata che hanno solo i neonati o i soggetti criogenizzati.Chissà come si chiama.Chissà cosa direbbe, se sapesse che ha rischiato di farmi ammazzare.

Solamente dopo il suo traumatico e difficilissimo salvataggio, Aurora si sveglia e le informazioni che riceve la sconvolgono, tramortiscono e spaventano terribilmente: non solo tutte le persone a lei care e che conosceva sono morte 200 anni prima, ma tutto il “Mondo” è cambiano terribilmente e il suo fisico fatica non poco a riabituarsi a respirare e a muoversi dopo così tanto tempo nella criocapsula.


ATTENZIONE: INTENSITÀ PIEGATEMPESTA IN AUMENTO. CONSIGLIATA PARTENZA IMMEDIATA. RIPETO: CONSIGLIATA PARTENZA IMMEDIATA.Sì, grazie tante per il consiglio.Dovrei lasciare qui questa ragazza. Nessuno me ne farebbe una colpa. E la galassia in cui si risveglierebbe? Per il Creatore, probabilmente mi ringrazierebbe se la abbandonassi nella tempesta. Però mi guardo attorno, vedo i cadaveri nelle altre capsule. Tutta questa gente partita da Terra tantissimi anni fa, che si è addormentata con la promessa di un nuovo orizzonte e non si è più svegliata. E capisco che non posso lasciarla qui a morire.Questa nave ha già abbastanza fantasmi.

Inoltre il complicato e lungo salvataggio di Tyler gli ha sì permesso di fare una sensazionale scoperta (dato che la Hadfield risultava dispersa per chiunque), ma allo stesso tempo gli ha fatto perdere l’importantissima cerimonia della Selezione e quindi si ritrova ad avere nella sua squadra coloro che non sono stati scelti da nessun altro capitano…
Fortuna che almeno Scarlett (gemella di Tyler) e Cat Brannock (la loro amica storica fin dall’asilo) abbiano deciso di far parte della squadra di Tyler!

Scarlett è una vera bellezza alta 1,8 m dalla fluente e fiammeggiante chioma, nonché una grande abilità ammaliante e diplomatica, mentre Cat è piccoletta di statura, porta i capelli a spazzola e sulla sua pelle compaiono numerosi tatuaggi, ma è decisamente il più abile e dotato Pilota della Legione.

Tuttavia gli altri tre elementi della squadra incutono timore e ben poca fiducia:
- Zila Madran. Terrestre (18 anni) Divisione scientifica. In gamba,curriculum impeccabile….ma ha ricevuto trentadue richiami ufficiali negli ultimi due anni.
Zila è ancora più bassa di Cat, ha la pelle scura e fitti riccioli neri ed il suo sguardo è come se, dietro a quegli occhi scuri, ci fosse il vuoto. Oltre al fatto che ha sempre una pistola disgregatrice in tasca ed è pronta a puntarla contro chiunque, ma proprio chiunque…

- Finian de Karran de Seel. Betraskano. (19 anni) Divisione tecnica. Decisamente intelligente, è però sempre stato messo da parte fin da piccolo perché indossa un esoscheletro a causa di una brutta malattia che gli ha danneggiato il sistema nervoso. Come tutti i betraskani, ha la pelle bianca come ossa scolorite, capelli bianchissimi, occhi più grandi di quelli di un umano coperti da lenti a contatto protettive completamente nere. Ha gli arti lunghi e sottili di chi è cresciuto in assenza di gravità, cosa che lo rende insolito. Compensa il suo movimento fisico con un’affilato sarcasmo.

- Kaliis Idraban Gilwraeth, syldrathi esperto della Congrega Razza guerriera. Altissimo, con la pelle olivastra, lunghe orecchie a punta e meravigliosi capelli color argento, raccolti all’indietro in cinque lunghe trecce che gli ricadono sulle spalle, per non parlare dei suoi occhi di quel viola di cui si legge solo nelle fiabe.
Un po’ per la sua forza e un po’ per la rabbia che gli cova dentro da sempre (a causa del simbolo che ha in fronte che spaventa chiunque lo incroci per strada), ha un enorme talento nel combattimento.
Questa squadra apparentemente male assortita e fin da subito additata come la squadra peggiore dell’accademia, si appresta a compiere una spedizione fin troppo basilare in apparenza, ma proprio grazie a questa inizieranno tutti i loro problemi e le loro avventure, soprattutto perché a bordo si ritroverà anche qualcuno che scoprirà di avere dei poteri unici, mai visti prima, decisamente inaspettati e forse adatti a cambiare il proprio destino e quello di tutta la Galassia!

Se pensate di trovarvi tra le mani un libro innocuo, vi chiarisco io le idee: non è questo il caso. Infatti Aurora Rising è un concentrato di azione, colpi di scena, di azione e di imprevisti, degne caratteristiche del genere letterario sci-fi.
Con uno stile narrativo multiplo che vede alternarsi il punto di vista dei sette protagonisti Ty, Scar, Cat, Kal, Fin, Zila e Auri, i tue autori hanno ideato una trama assai fitta dal ritmo incalzante che fa tenere i lettori col fiato sospeso pagina dopo pagina.
Ammetto di non essere una grande esperta di questo genere narrativo (avrò letto forse un paio di sci-fi in tutta la mia vita… ma mai dire mai, e poi è sempre interessante cimentarsi in letture fuori dalla propria confort zone!😉) però ho apprezzato molto la facilità e l’immediatezza con cui mi sono immersa nella lettura fin dall’inizio, sia per la grande curiosità che mi aveva messo la sinossi, sia per la capacità già nota di scrittura di entrambi gli autori.
Proprio per questo motivo la mia lettura è partita a sprombattuto priva di vincoli o di paletti: ho deciso di affidarmi al ritmo decisamente avvincente della storia e ai sette protagonisti che sì sono molti, ma sono così diversi e al contempo così complementari tra loro che capirete subito perché Kaufman e Kristoff li abbiano scelti come personaggi principali della serie! 😉

Non voglio fare spoiler, per questo non ho parlato troppo della trama, ma vi assicuro che pagina dopo pagina, capitolo dopo capitolo, vi addentrerete sempre più nell’avventura e non riuscirete a staccare gli occhi dal libro con la voglia di scoprirne sempre di più!
Perciò se vi piace rimanere col fiato sospeso, se vi piace immergervi nella lettura di una storia avvincente ed emozionante, se amate le storie dove realtà e fantasia si mischiano, se vi piace leggere libri con protagonisti giovani ma che sanno il fatto loro, se vi piacciono le narrazioni dal ritmo incalzante e scorrevole...beh, questo libro fa proprio al caso vostro! 😊
Sono rimasta molto colpita da questo libro, e non vedo l’ora che escano i libri seguenti!!

Vi auguro una Buona Lettura, e aspetto tutti i commenti, pareri ed impressioni di voi Sognalettori che seguite sempre con affetto il nostro blog.


Nessun commento