[REVIEW PARTY] PONTE DI ANIME - VICTORIA SCHWAB - OSCAR MONDADORI VAUT Fantastica


Buongiorno Sognalettori!
Oggi, in occasione del bel Review Party dedicatogli, torno a parlarvi di una trilogia nuovissima, fresca di stampa, che mi ha colpita!! Oggi il terzo ed ultimo volume della trilogia:
“PONTE DI ANIME" di Victoria Schwab, pubblicato in Italia dalla casa editrice Oscar Mondadori Vault (nella collana Fantasy), che ringrazio moltissimo per aver fornito il file per la lettura in anteprima. 📖😉

Se vi siete persi la recensione del primo libro, la potete recuperare QUI .
e quella della seconda QUI.

Ma ora ecco qualche informazione sull'autrice.

Victoria "V. E." Schwab è l'autrice di oltre venti libri, tra cui l'acclamata serie Shades of Magic e la trilogia Cassidy Blake, e La vita invisibile di Addie LaRue.
I suoi romanzi sono stati tradotti in tutto il mondo e sono stati opzionati anche per il cinema e la televisione. Quando non si aggira per i vicoli di Parigi o non arranca su e giù per le colline inglesi, vive a Edimburgo, in Scozia, ed è in genere accoccolata nell'angolo di una caffetteria, intenta a sognare mostri.


IL ROMANZO


Titolo: Ponte di anime
Autore: Victoria Schwab
Data di uscita: 26 Ottobre 2021
Genere: Narrativa Contemporanea Straniera | Young Adult
Pagine: 352
Volume della serie:

È lei che insegue gli spettri, o è il contrario?
Sia come sia, Cass potrebbe avere un talento per scovare gli spiriti inquieti. Insieme a Jacob, il suo migliore amico fantasma, è sopravvissuta a due città infestate mentre era in viaggio per il programma televisivo dei suoi genitori.
Tuttavia nulla potrebbe prepararla a quel che la attende a New Orleans, un luogo che pullula di antiche magie, società segrete e terrificanti sedute spiritiche. Ma la sorpresa più terribile è un nemico che Cass non avrebbe mai sospettato di dover affrontare: un messaggero della Morte in persona.
Sarà all’altezza della sfida? E a cosa dovrà rinunciare per vincerla?


Arrivati solamente la sera prima a New Orleans, Louisiana, la famiglia Blake (gatto Grim compreso) al completo è pronta per nuove fantasmagoriche avventure.
E non è un caso se uso questo aggettivo, perché i genitori Blake sono due Fantadetectives che girano il mondo visitando i luoghi più infestati di fantasmi per un programma tv incentrato su di loro.
Nonostante siano abituati a scrivere e far ricerche, si trovano benissimo anche di fronte ad una telecamera… quella che invece detesta stare al centro dell’attenzione è la giovane Cassidy, la figlia dodicenne che un anno prima ha rischiato quasi di morire… se non fosse intervenuto quello che è diventato il suo migliore amico: il fantasma Jacob.

Dopo aver vissuto delle mirabolanti avventure prima a Edimburgo e poi a Parigi, i Blake ora si trovano in una delle città più piene in assoluto di fantasmi degli U.S.A…. basti pensare che New Orleans ha la bellezza di 42 cimiteri!! Sì sì, avete capito bene!! Chiunque ne sarebbe forse spaventato, ma non i genitori di Cassidy, che invece sono super emozionati! Loro però non sanno quello che prova la figlia durante il loro peregrinare alla ricerca di entità paranormali, perché solo Cassidy possiede una capacità particolare: può vedere e sentire i fantasmi, interagire con loro e… per questo cacciarsi nei guai!!
Arrivata nella città (in particolare nel quartiere francese) dove tutto, arredamenti, oggetti, tradizioni e ogni tipo di merce in vendita per i turisti richiama un po’ il macabro, la chiromanzia e il vudù, quello che percepisce Cassidy è qualcosa di più forte del solito, più forte di qualsiasi tap-tap-tap lei abbia mai sentito.
Perché? Perché qui il Velo è sovrappopolato!
E lo percepisce nell’hotel dove alloggiano, tra i vicoli chiassosi che pullulano di gente, ed anche nel ristorante da Muriel dove il ha accompagnati la loro guida locale.

Dal giorno dell’incidente, riesco a vedere e a sentire l’altro mondo. A volte, riesco persino a toccarlo. Ma qui da Muriel ne avverto il sapore. E sa di fumo. Non di quello stantio che impregna da tempo la tappezzeria, ma di quello ancora caldo e pungente. Mi fa bruciare gli occhi, graffiandomi la gola.

Se di solito la curiosità di Cass la porta a voler scoprire cosa si nasconda al di là del Velo, qui quello che percepisce la mette non poco in difficoltà.

Perché il Velo non è un semplice luogo. Semmai, è una sfilza di posti che vivono nel ricordo e sono cuciti insieme, ciascuno legato a un fantasma, alla sua vita, alla sua morte e alla sua memoria. Ecco perché di tanto in tanto è spopolato: non c’è nessuno spettro a tenerlo in piedi. Ed ecco anche perché questo qui è pieno. Perché il ristorante Muriel non fa capo a un solo fantasma.

Qualcosa però sta volta non torna, e non è solo una sensazione multipla di presenze… perché c’è qualcosa di decisamente spaventoso che sta minacciando Cassidy, e a quanto pare non è solo un brutto presentimento! Nonostante quello che pensa inizialmente Jacob infatti…

«Vedi» fa Jacob, «la paura è una risposta del tutto razionale, è la maniera in cui il tuo corpo ti dice di non fare qualcosa.» Ma se aspetto che passi la paura, non muoverò mai un dito. La paura è come il Velo. Sta sempre lì. Tocca a te decidere di superarla comunque.

…in realtà si rivela essere ben peggio del previsto e di tutto quello che ha affrontato fin’ora: un tizio vestito di nero con un cappello a tesa larga e una maschera bianca da scheletro con le orbite vuote la insegue e la minaccia e i metodi per difendersi che Cassidy ha appreso nelle avventure precedenti paiono non essere efficaci!
Le cose si mettono male… fortuna che c’è Lara Choudhury, la Traversante britannica con la lunga treccia nera, sempre impeccabile e piena di assi nella manica, amica di Cassidy.
Lara ha da sempre un interesse per il sovrannaturale che, diciamo, è una “cosa di famiglia”. La presenza di Lara si è sempre dimostrata importantissima per Cass da quando le due ragazzine si sono conosciute, e stavolta potrebbe essere fondamentale!! Anche perché Lara ha un gran bel caratterino, capace di smuovere la curiosità dell’amica e di metterla sempre in guardia, perché Cassidy pare abbia un naturale talento a cacciarsi nei guai!

In questo terzo libro della serie di Cassidy Blake, Victoria Schwab torna a narrare le vicende di una giovanissima cacciatrice di fantasmi che, suo malgrado, riesce sempre a cacciarsi nei guai.
E se avete già letto “Città di spettri” e “Tunnel di ossa”, saprete bene a cosa mi riferisco!! 😉

Anche questa volta l’autrice è riuscita, grazie ad una narrazione dal ritmo incalzante, un linguaggio semplice e scorrevole, delle ambientazioni suggestive ed un gruppetto di personaggi tanto pasticcioni quanto intraprendenti, a rendere viva una nuova avventura piena di mistero, di presenze sovrannaturali e… qualche nodo giungerà finalmente al pettine!!

Ho apprezzato, come nei due libri precedenti, non tanto il carattere della protagonista, quando la sua capacità di fidarsi dei propri amici, soprattutto nel momento del bisogno, che l’ha portata a spingersi al di là dei propri limiti, ma anche a mettersi in gioco, a migliorarsi e… a salvarsi la pelle! O forse no? 😜

La scrittura della Schwab è riuscita nuovamente ad affascinarmi, a tenermi incollata alle pagine dall’inizio alla fine e a farmi viaggiare in una nuova città, in una nuova avventura e a farmi ammirare il fascino di un luogo che tanto ho sentino nominare in libri, leggende, film, cartoni animati… insomma anche sta volta l’autrice ha fatto centro!!

Proprio perché è il terzo volume non posso farmi sfuggire “pericolosi” spoiler, ma vi assicuro che pure questa volta ne vedrete delle belle! Vi chiedo anche: avete un personaggio preferito della serie? Io (e non perché sono di parte) ho un debole per Lara Chowdhury… e voi? Scrivetemelo nei commenti sotto al post!

Non mi resta che augurarvi una buonissima lettura,
a presto 😉!


Nessun commento